La “sveglia” di Bill Hicks (1961-1994): “La vita è solo un giro di giostra”

Molto più che un comico, Bill Hicks ha tentato in tutti i modi di risvegliare le persone e mostrare loro la schiavitù dell’essere umano. In questo articolo ve lo presentiamo e vi proponiamo alcuni dei suoi sketch più divertenti e illuminanti.

Bill Hicks nacque in Georgia nel 1961, precisamente a Valdosta, uno sperduto paesino dove fu educato dalla famiglia secondo la fede battista. Durante la scuola domenicale di catechismo, cominciò a manifestare il suo talento da comico e il suo atteggiamento irriverente nei confronti dell’autorità, il che lo portò a trovarsi, all’età di 17 anni, nello studio di uno psicoanalista contattato dai genitori, preoccupati per le stranezze del figlio.

Dopo la scherzosa affermazione dello specialista, in cui asserì che non aveva trovato nulla di anomalo in Bill e in cui suggerì piuttosto ai genitori stessi di pensare ad una terapia, il ragazzo ebbe campo libero per dedicarsi alla creazione di sketch comici e, insieme a dei suoi amici, iniziò a tenere degli spettacoli il martedì notte al Comedy Workshop di Houston.

Dall’età di 23 anni, la sua carriera subì un’impennata verso l’alto. Partecipò al David Letterman Show (dove ritornò altre 11 volte) e si trasferì a New York tenendo oltre 300 spettacoli l’anno, durante i quali attaccava fortemente il sogno americano e denunciava l’ipocrisia umana trattando argomenti quali religione, droga, sesso, guerre.

La sua reputazione, tuttavia, oscillava tra l’essere visto come un rivoluzionario, un filosofo, un ispiratore e l’essere biasimato per i suoi toni irriverenti e per l’uso pesante che fece, tra il 1986 e il 1988, di alcool e droghe.

E’ proprio durante questi anni, però, che Bill si aprì ad una nuova visione della vita, in cui cominciarono a fare capolino la speranza e l’accettazione del genere umano, verso cui storicamente egli aveva sempre mostrato disgusto e rassegnazione. Principale causa prima di questo cambiamento fu un episodio che egli mescolò ripetutamente, durante i suoi spettacoli, insieme a esilaranti battute sulla droga.

Riferendosi a una pubblicità-progresso di quel periodo contro la droga, che mostrava un uovo fritto e sottotitolava : “ecco il tuo cervello quando ti droghi”, Hicks disse:

“Ho visto tante cose quando ero fatto, ma non ho mai, mai, mai guardato un uovo e pensato che fosse un cazzo di cervello, nemmeno una volta. Ho visto UFO strappare il cielo come un lenzuolo, ma non ho mai guardato un uovo pensando che fosse un cazzo di cervello, nemmeno una volta. Sette sfere luminose sono uscite da un UFO e mi hanno portato sulla loro navicella, per spiegarmi telepaticamente che siamo tutti una cosa sola e non esiste la morte, ma… non ho mai guardato un uovo e pensato che fosse un cazzo di cervello.”

Da quel momento, i riferimenti che Hicks disseminò nei suoi spettacoli su argomenti come la consapevolezza, l’amore e la possibilità di cambiare il mondo furono diversi. Citiamo, ad esempio, un suo sketch del 1989, durante lo spettacolo “Sane Man”, riguardante le droghe:

“Avete mai sentito una storia positiva sulle droghe al telegiornale? Non potrebbe essere interessante? Anche solo una volta?

Ad esempio: Giovane ragazzo sotto effetto di droga realizza che tutta la materia è pura energia condensata che si muove ad una bassa frequenza di vibrazione, che siamo tutti una sola coscienza che esperisce se stessa, sperandosi in soggettività singole, che non esiste la morte, che la vita è solo un sogno e che noi siamo l’immagine che creiamo di noi stessi.”

O ancora, in uno spettacolo del ’92 al Dominion Theathre di Londra, ecco una parte della sua riflessione finale:

Il mondo è come un giro di giostra in un parco giochi. Quando scegli di salirci, credi che sia reale, perché le nostre menti sono molto potenti.

E’ solo un giro di giostra, ma uccidiamo sempre quella brava gente che tenta di dircelo, l’avete mai notato? E lasciamo che i demoni si scatenino. Ma non ha importanza perché…è solo un giro di giostra. E possiamo cambiare le cose, in qualunque momento. È solo una scelta. Niente sforzi, niente lavoro, niente occupazioni, niente risparmi o denaro. Una scelta, proprio ora, fra paura e amore.

Gli occhi della paura vogliono che voi mettiate serrature più grandi alla vostra porta, che vi compriate delle armi, che vi isoliate. Gli occhi dell’amore, invece, ci vedono tutti come una cosa sola.”

Nell’aprile 1993, Bill cominciò a lamentare dei dolori al fianco e il 16 giugno dello stesso anno gli fu diagnosticato un tumore al pancreas. Nonostante le cure, il 6 gennaio del ’94 si esibì per l’ultima volta a New York e fece ritorno in Arkansas, dove abitavano i suoi genitori. Lì, radunò i suoi amici più stretti per dare loro un ultimo saluto e, la sera del 26 febbraio, morì alla presenza dei genitori.

Prima di andare via, però, scrisse il suo testamento spirituale dove ringraziava per ciò che aveva avuto e manifestava la sua speranza per il futuro. Il testamento si conclude con la frase:

“Me ne sono andato tra amore, risate e verità e, ovunque risiedano verità, amore e risate, io sono là con lo spirito.”

Per ricordare Bill e – soprattutto – per fare in modo che la sua voce risuoni ancora oggi offrendoci un tassello in più per accrescere la nostra consapevolezza, postiamo qui sotto i link di alcuni suoi sketch sottotitolati in italiano. Buona visione!

Bill Hicks – Droghe

Bill Hicks – UFO

Bill Hicks – Intervista e critica sociale

Bill Hicks – Sul Marketing

Bill Hicks – E’ solo un giro di giostra

Bill Hicks – Una storia positiva sulla droga (sketch + racconto di un’esperienza al limite)

 

Annunci

5 thoughts on “La “sveglia” di Bill Hicks (1961-1994): “La vita è solo un giro di giostra”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...